Meta e Microsoft presentano Llama 2: L’IA gratuita che sfida ChatGPT

Meta e Microsoft hanno annunciato che Llama 2, la nuova generazione del modello linguistico open source di Meta (l’azienda che possiede Facebook, Instagram e Whatsapp), sarà disponibile gratuitamente sia per la ricerca che per l’uso commerciale. L’accordo di cooperazione è stato condiviso dai due leader delle aziende, Mark Zuckerberg e Satya Nadella.

L’IA ChatGPT ha raggiunto un grande successo internazionale, ma Meta ha continuato a sviluppare in silenzio la sua soluzione open source gratuita. Dopo un leak a marzo, Meta e Microsoft lanciano ufficialmente Llama 2, un modello di linguaggio gratuito per scopi di ricerca e utilizzo commerciale.

Meta ha annunciato che Llama 2 è disponibile per esperti ricercatori, sviluppatori e aziende in una fase iniziale per monitorarne l’utilizzo e prevenire abusi nell’intelligenza artificiale. Successivamente, il modello sarà reso disponibile anche per gli utenti privati.

Meta ha sottolineato l’importanza di un approccio aperto nello sviluppo dei modelli di intelligenza artificiale, specialmente nello spazio generativo in cui la tecnologia sta avanzando rapidamente. Rendendo i modelli di intelligenza artificiale disponibili apertamente, si permette a imprese, startup, ricercatori e sviluppatori di accedere a strumenti che altrimenti sarebbe difficile costruire da soli. Ciò apre un mondo di opportunità per sperimentare, innovare e portare benefici economici e sociali. L’accesso aperto consente anche di sottoporre i modelli a stress test, identificare e risolvere rapidamente problemi grazie alla collaborazione della comunità. Attraverso l’osservazione di come gli altri utilizzano questi strumenti, i team di Meta possono imparare, migliorare gli strumenti e affrontare le vulnerabilità.

Meta e Microsoft hanno reso disponibili le versioni pre-addestrate di Llama 2, focalizzate sulla conversazione, e le hanno integrate in Azure AI. Inoltre, l’IA è eseguibile su PC Windows attraverso servizi di terze parti come Hugging Face e Amazon Web Services.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news