Il ramsomware LockBit chiede 70 milioni a TSMC, ma la società di Taiwan nega l’attacco

Il ransomware LockBit – software dannoso progettato per bloccare l’accesso degli utenti a sistemi informatici in cambio del pagamento di un riscatto – ha colpito anche la rete di Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), uno dei più grandi produttori di chip al mondo

Secondo le informazioni disponibili, lo scorso mercoledì un hacker di nome Bassterlord affiliato con LockBit avrebbe diffuso screenshot con dati di TSMC come prove di un attacco ransomware in corso; successivamente, l’organizzazione criminale avrebbe richiesto un riscatto di 70 milioni di dollari per non divulgare le informazioni sottratte.

Le immagini diffuse mostrano indirizzi mail, credenziali per diversi sistemi interni e accessi a varie applicazioni. Sono state diffuse su Twitter e successivamente eliminate, tuttavia LockBit ha aggiunto il leak al proprio sito web con il classico conto alla rovescia, che scadrà tra poco più di un mese. Come di consueto, se TSMC dovesse rifiutarsi di pagare il riscatto, i dati (incluse le credenziali di accesso a diversi servizi) verranno resi pubblici.

Dal canto suo, TSMC ha negato l’attacco ai propri sistemi, pur ammettendo quello a un suo fornitore. Un rappresentate dell’azienda ha dichiarato a BleepingComputer che TSMC non è stata attacca direttamente, bensì a subire l’attacco sono stati i sistemi di Kinmax Technology, uno dei fornitori della fonderia. “TSMC è al corrente che di recente uno dei propri fornitori ha subito un incidente di cybersicurezza che ha portato a una fuga di informazioni relative al setup iniziale dei server e alla loro configurazione”, ha dichiarato il rappresentate.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news