CYBER CRIME CONFERENCE | 17-18 Aprile 2024

Google Bard: il potente Chatbot si espande in nuove lingue e funzioni

Google Bard è pronto a lanciare una versione potenziata, ampliando l’accesso alle sue funzioni esistenti in lingua inglese a diverse lingue e paesi. Questo chatbot si integra ora direttamente con le applicazioni e i servizi di Google, offrendo risposte ancora più utili e migliorando la funzione “Google it” per una verifica più accurata delle risposte.

Nuove Estensioni

Continuando a sviluppare Bard in modo responsabile, stiamo estendendo l’accesso alle funzioni esistenti in lingua inglese a oltre 40 lingue diverse. Questo include la capacità di caricare immagini con Google Lens, ottenere risultati di ricerca con immagini nelle risposte e modificare le risposte di Bard“, dichiara Yury Pinsky, Direttore Gestione Prodotti di Bard.

Le “estensioni” di Bard sono state introdotte in inglese e consentono al chatbot di recuperare e mostrare informazioni rilevanti dai servizi di Google più utilizzati, come Gmail, Docs, Drive, Maps, YouTube e Google Flights and Hotels. Questo avviene anche quando le informazioni necessarie si trovano in diverse applicazioni e servizi.

Rispetto della Privacy

Google è impegnata a proteggere le informazioni personali degli utenti. Se si utilizzano le estensioni Workspace, i contenuti di Gmail, Docs e Drive non saranno visualizzati da revisori umani e non verranno utilizzati da Bard per mostrare pubblicità o addestrare il modello. Gli utenti hanno il controllo delle proprie impostazioni sulla privacy e possono disattivare le estensioni in qualsiasi momento.

Miglioramenti nelle Risposte e Conversazioni Condivise

Con le risposte in lingua inglese, è possibile utilizzare il pulsante “Google it” di Bard per verificare facilmente i risultati. Facendo clic sull’icona “G”, Bard legge la risposta e valuta se ci sono contenuti online che la confermano. Quando un’affermazione può essere verificata, è possibile fare clic sulle frasi evidenziate per ottenere ulteriori informazioni di supporto o informazioni contrastanti trovate da Search.

Inoltre, Bard rende più semplice lo sviluppo delle conversazioni condivise. Ora, quando qualcuno condivide una chat su Bard attraverso un link pubblico, è possibile continuare la conversazione e porre ulteriori domande su quell’argomento o usarlo come punto di partenza per nuove idee.

Tutte queste nuove funzionalità sono resi possibili grazie agli aggiornamenti applicati al modello PaLM 2 di Google, il più potente finora. Sono state utilizzate tecniche di apprendimento rinforzato all’avanguardia per rendere il modello più intuitivo e creativo. In questo modo, Bard è ora in grado di offrire risposte di qualità e precisione ancora migliori.

Per provare le ultime funzionalità, visita bard.google.com

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news