La pandemia globale che continua a rovinare le economie, a fermare la vita e che ha causato la morte di quasi 81.000 persone fino ad oggi in tutto il mondo, sta sottolineando l’importanza dell’architettura e delle prestazioni della rete.

“C’è molta innovazione in atto dal punto di vista del networking per quanto riguarda il modo in cui i team IT stanno affrontando questa crisi”, ha detto Scott Harrell, SVP e GM del gruppo di reti basate su intento di Cisco durante una teleconferenza con gli analisti di oggi .

I professionisti IT stanno soddisfacendo l’esigenza, ma i rapidi cambiamenti nel comportamento degli utenti e lo spostamento delle risorse stanno anche mettendo in evidenza le opportunità che il 5G e il WiFi 6 offriranno alle aziende, ha affermato.

“Questo è un enorme ciclo di innovazione che dobbiamo attraversare”, ha spiegato Harrell. “Ma farlo dal punto di vista hardware non sarà sufficiente. Dobbiamo anche diventare più flessibili per poter gestire cose come COVID-19, ma anche solo per gestire i cambiamenti nel comportamento degli utenti perché … gli utenti, i dispositivi e le applicazioni stanno diventando più dinamici “.

Le aziende “devono avere alti livelli di automazione, devono iniziare ad applicare le analisi in quell’ambiente in un modo molto diverso da come non hanno mai fatto prima”, ha detto. “Questo in realtà, penso, si preannuncia come un’età d’oro per il wireless” con WiFi e tecnologie basate su cellulare che svolgono ruoli importanti.

Mentre il 5G svolgerà un ruolo fondamentale nelle reti aziendali per applicazioni mission-critical, WiFi 6 sarà “più importante all’interno delle mura dell’impresa”, ha affermato Harrell. La prossima generazione della tecnologia WiFi può preservare e dare la giusta priorità alle risorse critiche e gestire la densità in modo molto più efficace rispetto alla generazione precedente, ha spiegato.

“Il futuro delle reti aziendali è un mondo senza fili”, ha detto Harrell. Tuttavia, poiché tutto passa alla connettività wireless, i punti di accesso non sono più sufficienti per gestire l’aumento del carico, ha spiegato. “Devi creare un livello molto sofisticato di automazione e analisi in modo che possano essere facilmente gestiti.”
È qui che entra in gioco il networking basato sugli intenti, una tecnologia che ha descritto come un “enorme cambiamento nel modo in cui costruisci e gestisci le reti per le imprese”. All’inizio di quest’anno, Cisco ha aggiunto nuove funzionalità di analisi della rete al suo portafoglio di data center per rafforzare la sua visione di rendere le operazioni di rete proattive piuttosto che reattive.

La tecnologia, che utilizza l’apprendimento automatico (ML), l’intelligenza artificiale (AI) e l’automazione nel contesto del networking, è appena iniziata, secondo Harrell. “La rete stessa ora deve diventare molto più dinamica, molto più flessibile e molto più disponibile. E questo richiede un cambiamento nell’approccio perché la maggior parte dei team IT non sta diventando più grande. In effetti, molti stanno diventando più piccoli. ” Egli ha detto.

“Si tratta di passare dalla gestione di una scatola alla volta alla gestione dell’intero tessuto alla volta. Quindi, invece di gestire solo una casella, gestisco l’intera rete “, ha detto Harrell. Una volta che un’impresa abbraccia un’architettura di tessuto e livelli di analisi, i professionisti IT possono iniziare a fare cose più sofisticate come la segmentazione della rete, ha aggiunto.

Queste misure diventeranno ancora più importanti in quanto gli operatori di rete e le imprese gestiranno picchi di domanda senza precedenti. Cisco Webex ha registrato un aumento del 250% nell’utilizzo il mese scorso negli Stati Uniti, registrando oltre 14 miliardi di minuti di riunione e 324 milioni di partecipanti, secondo Harrell.