CyberSec2025

Accordo tra TIM e Open Fiber per le aree bianche

È finalmente operativo l’accordo tra TIM e Open Fiber, mirato a utilizzare le infrastrutture di rete nelle cosiddette aree bianche. Queste aree, definite a “fallimento di mercato”, sono destinate ad estendere la copertura in fibra grazie ai finanziamenti pubblici. La gestione di tale rete è affidata a Open Fiber, con una partecipazione del 60% da parte di CDP e del 40% di Mcquarie.

TIM si unisce a circa 300 operatori che, grazie all’assegnazione delle aree da parte di Infratel a Open Fiber, possono ora commercializzare i propri servizi nelle aree bianche.

L’unico grande assente tra gli operatori è Fastweb, che pur collaborando con Open Fiber nelle aree nere, considerate molto più redditizie, non è presente in questo elenco. L’implementazione dell’accordo consente di verificare la copertura della propria zona sul sito di Open Fiber e di scaricare l’elenco degli operatori disponibili.

L’accordo tra TIM e Open Fiber per l’uso delle infrastrutture nelle aree bianche, firmato il 13 maggio 2022, prevedeva l’acquisto da FiberCop del diritto d’uso per 20 anni, includendo infrastrutture aeree e collegamenti d’accesso domestici, per un valore di oltre 200 milioni di euro.

Grazie a questo accordo, si prevede l’attivazione di almeno 500 mila clienti per la tecnologia FTTH (Fiber To The Home), ampliando così il numero attuale di circa 300 mila clienti.

In aggiunta, Open Fiber vedrà un’accelerazione nell’estensione della sua rete, avvicinandosi alla chiusura delle trattative con enti finanziatori per un prestito di 7,2 miliardi di euro, suddiviso tra il 55% in debito e il 45% in equity, necessario per completare il piano di sviluppo nelle aree bianche.

Con questo accordo, TIM e Open Fiber pongono le basi per un futuro di maggiore connettività, superando le barriere del mercato e portando la fibra ottica anche nelle aree più remote del paese.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news