CyberSec2025

Open Fiber ed Elis Trasformano il Futuro delle Telecomunicazioni con Ftts

La settima edizione del programma Ftts: Fiber to the School, frutto della collaborazione tra Elis e Open Fiber, mette al centro dell’attenzione temi cruciali come tecnologia avanzata, massima connettività, infrastrutture di rete e opportunità di lavoro nel settore delle telecomunicazioni.

L’edizione 2024 ha visto la partecipazione di cinque istituti tecnici distribuiti su tutto il territorio italiano, coinvolgendo 183 studenti di quarta e quinta superiore e 12 esperti di telecomunicazioni, per un totale di oltre 45 ore di attività tra sessioni extracurriculari, laboratori e stage sul campo per gli studenti più meritevoli.

Gli istituti coinvolti sono stati l’Itis “Paleocapa” di Bergamo, l’Iti e Liceo Scientifico “Galileo Ferraris” di Napoli, gli Itis “Armellini” di Roma e “Marconi-Hack” di Bari, e l’Itis “Vittorio Emanuele III” di Palermo.

Durante il percorso, gli studenti hanno avuto l’opportunità di ascoltare esperienze professionali diverse, ricevendo testimonianze dirette dai professionisti del settore. Hanno potuto chiarire i propri dubbi sulle possibili carriere e si sono confrontati in una sfida didattica che ha messo alla prova le conoscenze acquisite. Al termine del progetto, i tutor hanno premiato il miglior lavoro, riconoscendo l’originalità del progetto degli studenti siciliani dell’“Itis Vittorio Emanuele III”.

Il lavoro congiunto con le scuole, i formatori di Elis e il nostro personale specializzato rappresenta un eccellente esempio di sinergia nel nostro Paese. Open Fiber, dedicata all’innovazione tecnologica e al futuro delle nuove generazioni, ritiene questo programma di competenze trasversali fondamentale” afferma Romina Chirichilli, direttore People di Open Fiber. “Questo percorso, che è giunto alla sua settima edizione, si rafforza grazie al continuo scambio di esperienze che arricchiscono tutti i partecipanti. È una concreta attuazione del concetto di collaborazione tra scuole e imprese, basata sull’ascolto e sulla partecipazione attiva di tutti gli attori coinvolti”, conclude Chirichilli.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news