Il “Re dell’Informatica” Sceglie la Calabria: Georg Gottlob e il Futuro dell’IA a Rende

Da Oxford all'Unical, l'Esperto di Intelligenza Artificiale spiega la sua audace mossa.

Georg Gottlob, uno dei principali esperti mondiali di intelligenza artificiale, ha annunciato la sua decisione di trasferirsi dall’Università di Oxford all’Università della Calabria (Unical). Con 67 anni all’attivo, Gottlob è ampiamente riconosciuto come una figura di spicco nel campo dell’informatica, ma è il suo entusiasmo per il futuro dell’IA in Calabria che ha catturato l’attenzione.

La Scelta Sorprendente

La decisione di trasferirsi in Calabria potrebbe sembrare sorprendente per molti, ma per Gottlob è il passo giusto. Ha dichiarato: “Conosco da molti anni il rettore Nicola Leone, abbiamo lavorato insieme nello stesso dipartimento al Politecnico di Vienna dal 1994 al 2000. Rende oggi è un luogo di ricerca avanzatissimo per i miei studi sulla teoria dei database e sull’intelligenza artificiale. Il giusto approdo per questa fase della vita”.

Un Amore per l’Italia

Gottlob ha un affetto particolare per l’Italia, in parte dovuto al fatto che sua moglie, Laura Carlotta, è italiana. Ha affermato: “Non ho mai studiato l’italiano, la mia scuola sono stati Gadda, Sciascia, Pirandello. Il dato di fondo è che per me è naturale cambiare Paese. Ho lavorato a Milano, al Cnr di Genova, a Vienna, i miei figli Leonardo e Anita sono cresciuti ad Oxford. Ma non sarei venuto in Calabria se non avessi avuto un forte interesse scientifico e accademico“.

L’Università della Calabria come Polo di Eccellenza

Gottlob ha enfatizzato l’importanza dell’Università della Calabria come centro di eccellenza nella ricerca scientifica, sottolineando che diversi ricercatori e studenti provenienti da tutto il mondo si stanno radunando attorno al campus. Ha anche menzionato l’apertura di diverse startup digitali nei dintorni dell’università, sottolineando il potenziale per la creazione di lavoro attraverso la ricerca scientifica.

Il Futuro dell’IA a Rende

L’esperto austriaco ha rivelato che il suo corso si concentrerà sull’intelligenza e sull’ignoranza artificiale e aprirà ufficialmente l’anno accademico il 15 settembre. Ha sottolineato come l’Università della Calabria sia diventata un luogo di incontro per straordinari ricercatori e studenti di tutto il mondo, con un forte slancio verso l’intelligenza artificiale e la ricerca scientifica. Ha anche menzionato l’entusiasmo che permea la comunità accademica di Rende e ha evidenziato il potenziale innovativo della nuova facoltà che unisce Medicina e Intelligenza Artificiale, un’iniziativa pionieristica.

La Visione di Gottlob

Infine, rispondendo alle domande sulla decisione di lasciare Oxford per la Calabria, Gottlob ha sottolineato il suo impegno per la ricerca scientifica e il suo desiderio di contribuire al progresso dell’IA in una regione che affronta sfide ma che è ricca di opportunità. Ha dichiarato: “La ricerca scientifica può creare lavoro, un’università come quella di Rende è un polo culturale che non ha nulla da invidiare a grandi università del Nord. La nuova facoltà che metterà insieme Medicina e Intelligenza Artificiale è una novità assoluta. E poi qui c’è entusiasmo”. La decisione di Gottlob rappresenta una testimonianza dell’attrattiva e del potenziale della Calabria come hub per l’innovazione e la ricerca nell’ambito dell’intelligenza artificiale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news