CyberSec2025

Google: nuovo centro per la trasparenza

Nelle recenti ore, Google ha dato vita a un nuovo e ambizioso progetto: il Centro per la Trasparenza. Con l’obiettivo di rendere chiare e immediatamente accessibili le regole che governano il vasto catalogo dei suoi prodotti, l’azienda si impegna a fornire agli utenti un accesso informativo senza precedenti.

È possibile accedere al servizio tramite il sito ufficiale https://transparency.google, ottenendo accesso a questa piattaforma informativa che è ora accessibile anche in lingua italiana.

Il ruolo fondamentale di Google nella vita quotidiana di miliardi di persone è innegabile: giornalmente, individui di tutto il mondo si affidano a questa piattaforma per accedere a informazioni e contenuti autorevoli. E questa responsabilità è presa seriamente dall’azienda. I termini di servizio, le norme relative ai prodotti, le linee guida per gli sviluppatori e la condotta nella community sono concepiti con l’obiettivo di proteggere gli utenti. Tutto ciò si inquadra nell’ambizione di Google di rendere le informazioni accessibili a livello universale.

Il nuovo sito, frutto del Centro per la Trasparenza, offre una vasta gamma di documenti informativi su vari argomenti. Dal processo di creazione delle regole ai dettagli dei regolamenti organizzati per prodotto, dai princìpi guida che sovrintendono allo sviluppo di tecnologie all’interno dell’intelligenza artificiale alla privacy, ai report sulla trasparenza: l’utente può esplorare un ventaglio di risorse ricco e variegato. Inoltre, sono disponibili strumenti per inviare segnalazioni o contestazioni, nonché per presentare appelli in caso di controversie. Informazioni sulle metodologie impiegate per garantire il rispetto delle regole sono anch’esse facilmente accessibili.

Pochissime ore prima dell’annuncio del Centro per la Trasparenza, Google aveva reso noto un’altra iniziativa volta a migliorare la sicurezza del suo browser, Chrome. Questa volta, l’obiettivo era promuovere l’adozione di connessioni HTTPS, limitando progressivamente quelle basate su HTTP. Proprio dal Centro per la Trasparenza emergono dati sorprendenti: nonostante gli sforzi, ancora il 5-10% delle connessioni a Chrome avvengono tramite il protocollo HTTP. Questa cifra mette in luce l’importanza continua di tali iniziative per garantire un’esperienza di navigazione più sicura e protetta per tutti gli utenti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita e unisciti a una community di appassionati come te!

Condividi sui social
Potrebbero interessarti
Related news